Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Mirella Taranto
Sei in:
Primo Piano

Amianto e salute: il punto in un convegno all’ISS

ISS 12 Dicembre 2013

La situazione italiana e le prospettive future per quanto riguarda il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto. Di questo, e delle ricadute possibili per la salute dei lavoratori e della popolazione a contatto con materiali contenenti amianto, fluoro-edenite e fibre simili si parlerà nella giornata sul "Progetto amianto" in programma il 12 Dicembre 2013 nell’Aula Pocchiari dell’Istituto Superiore di Sanità (dalle ore 9.30).

"L’ISS è stato sempre in prima linea sulle problematiche connesse all’esposizione a fibre di amianto - sottolinea il Direttore del Dipartimento Ambiente e connessa prevenzione primaria dell’ISS, dr.ssa Loredana Musmeci - e le ricerche che si sono svolte in questo Istituto hanno contribuito sicuramente anche alla sua messa al bando negli anni Novanta. Oggi uno dei problemi maggiori è rappresentato dalla dismissione dei manufatti in cemento amianto, di cui si stima che in Italia siano ancora oggi in uso circa 30 milioni di tonnellate, secondo dati ARPA Emilia Romagna. La dimensione del problema è enorme e uno dei punti chiave è: dove e come smaltirli? Da qui la necessità di fare il punto della situazione, organizzando il convegno in questione in cui si confronteranno i diversi attori, istituzioni e operatori del settore".

Il convegno, organizzato assieme al Ministero della Salute, all’Inail e all’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica, sarà l’occasione per fotografare lo stato dell’arte in tema di amianto nel nostro Paese: si parlerà di discariche e centri di stoccaggio, di monitoraggio delle bonifiche (con particolare riferimento ai casi della Toscana e del Lazio), di impianti di inertizzazione dell’amianto e di casi specifici come quello di Casale Monferrato.

L’iniziativa rientra nell’ambito del Progetto Amianto, coordinato dall’ISS e finanziato dal Ministero della Salute, ed è parte del Piano nazionale amianto, che definisce le linee di azioni da intraprendere a breve e medio termine.
La gestione di fine-vita dei prodotti contenenti amianto è un problema sia dal punto di vista tecnico, in relazione alla potenziale esposizione a fibre di amianto dei lavoratori e della popolazione, sia dal punto di vista della capacità di smaltimento a livello nazionale. Problematiche ancora aperte sono il rischio legato all’esposizione ambientale residua dopo il bando dell’amianto (sancìto dall’entrata in vigore della legge 257 del 1992); l’individuazione delle metodologie più efficaci per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica e dei sistemi innovativi di diagnosi e cura delle malattie correlate all’esposizione ad amianto; la cooperazione con i Paesi in cui l’uso dell’amianto è ancora consentito.

"Il Progetto è a buon punto - prosegue la dr.ssa Musmeci - e le prime risultanze saranno disponibili nella primavera 2014. Per la parte ambientale dell’ISS sono stati individuati i siti in cui si farà il monitoraggio e si è proceduto ai sopralluoghi, per i quali ci si è accordati con gli enti territoriali. A breve, inoltre, saranno posizionati i campionatori".

Il ruolo dell’Istituto Superiore di Sanità (Unità Operativa 1) (Responsabile scientifico: Dr.ssa Loredana Musmeci)
L’ISS coordina il Progetto Amianto, che si concluderà entro dicembre 2014. Le altre unità operative che partecipano al gruppo di lavoro afferiscono all’Università "Amedeo Avogadro" del Piemonte Orientale, all’Università di Torino e all’Istituto Tumori "Regina Elena" di Roma.
Per l’ISS, sono coinvolti il Dipartimento Ambiente e connessa prevenzione primaria (Reparti Igiene dell’aria, Suolo e rifiuti, Epidemiologia ambientale; l’Ufficio Statistica; il Settore Attività editoriali).
Le linee di ricerca lungo cui si articola l’azione dell’Istituto riguardano:
• la stima dell’esposizione a fibre nei siti inquinati, cioè la concentrazione di fibre di amianto in aria a cui la popolazione è esposta e che sono pericolose in quanto possono essere inalate; alla stima si procede mediante campionamenti attivi e passivi (ovvero con o senza l’utilizzo di pompe per la raccolta di gas e vapori presenti nell’aria e nel suolo);
• la valutazione del rischio sanitario associato allo smaltimento di rifiuti contenenti amianto e ottimizzazione dei cicli di lavoro degli impianti che gestiscono i rifiuti;
• l'elaborazione di linee guida per comprendere il metodo con cui rilevare la presenza di amianto nelle matrici organiche (come ad esempio espettorato, liquido di lavaggio broncoalveolare, frammenti bioptici di tessuto polmonare);
• la sorveglianza epidemiologica della patologia asbesto-correlata (mesotelioma, tumore maligno di polmone, laringe e ovaio, asbestosi) in Italia con particolare riferimento ai siti inquinati con presenza di amianto;
• la valutazione dell’impatto sanitario della fluoro-edenite (minerale fibroso di colore giallo intenso, le cui polveri sottili possono causare effetti simili a quelli provocati dall’amianto), stima dell’esposizione e priorità del processo di bonifica nell’area di Biancavilla (Catania) e in altri siti con presenza;
• la valutazione dell’effetto dell’informazione scientifica sulla prevenzione della patologia asbesto-correlata nei Paesi in cui l’uso dell’amianto è tuttora consentito (specie America Latina).
Informazioni sul Progetto a ulteriore documentazione sono disponibili sul sito web del Progetto www.iss.it/amianto.

Sintesi delle attività delle Unità Operative che collaborano al Progetto


Il ruolo dell’Unità Operativa 2 - Università A. Avogadro del Piemonte Orientale
Studi sull’evoluzione del rischio di patologia da amianto tra gli esposti e sui modificatori del rischio di mesotelioma
Responsabile scientifico: Corrado Magnani
Due linee di ricerca sono riferite all’approfondimento delle conoscenze sul rischio di mesotelioma e di altre neoplasie tra le persone impiegate in attività lavorative che le hanno esposte ad amianto. Il primo studio valuterà in particolare la variazione del rischio dopo la cessazione dell’esposizione e dopo una latenza molto lunga, e consisterà nell’indagine di un pool di studi di coorte italiani, con follow-up aggiornato. Il secondo studio consisterà nell’estensione e nell’aggiornamento dell’indagine di coorte dei lavoratori della miniera di Balangero, la maggiore miniera di crisotilo in Europa. Si ritiene importante continuare l’indagine delle coorti di soggetti che hanno svolto attività nell’estrazione di questo materiale per contribuire alla documentazione degli effetti di tale fibra e per rendere più precise le stime della sua potenza cancerogena. Per la conduzione di questi due studi sarà costituito un consorzio tra i gruppi di ricerca interessati. Una linea di ricerca valuterà, inoltre, se esistano e quanto siano importanti fattori individuali nella modificazione della sensibilità all’esposizione alle fibre di amianto. Lo studio si sviluppa da indagini preliminari condotte sull’area di Casale Monferrato relativamente all’interazione tra esposizione a fibre di amianto e mutazioni genetiche nel modulare il rischio individuale di mesotelioma.

Il ruolo dell’Unità Operativa 3 - Università di Torino
Analisi di bio-marcatori predittivi di risposta alla chemioterapia con tecniche di espressione genica e proteica ad alta risoluzione per una migliore definizione della strategia terapeutica in pazienti affetti da mesotelioma pleurico
Responsabile scientifico: Giorgio Scagliotti
L’approccio terapeutico del mesotelioma maligno della pleura è alquanto eterogeneo in rapporto allo stadio iniziale di malattia e associato con evoluzioni cliniche di notevole variabilità nella risposta terapeutica e qualità di vita dei pazienti colpiti. Dalla ricerca preclinica sono stati in passato identificati marcatori con significato diagnostico (ad esempio, calretinina) e prognostico (ad esempio, mesotelina e osteopontina), mentre sono molto esigui i risultati di studi su biomarcatori predittivi di risposta terapeutica. L’unità operativa ha l’obiettivo di valutare prospettivamente l’impatto prognostico e/o predittivo della presenza/assenza di mutazioni mediante l'impiego di un pannello di geni a partire da un iniziale pannello di 44 geni secondo tecniche di next generation sequencing, correlare questo pannello genico con l’espressione di alcuni geni coinvolti nella risposta alla terapia con cisplatino/antifolati, fra i quali, ma non esclusivamente, l'Excision Repair Cross-Complementating 1 (ERCC1), coinvolto nella rimozione degli addotti DNA-cisplatino, e la timidilato sintetasi, correlata agli antifolati. Inoltre, si ritiene utile confrontare questi parametri molecolari nei sopravviventi a lungo termine (> 24 mesi) rispetto a quanti, a parità di stadio, hanno avuto una sopravvivenza inferiore ai 12 mesi al fine di definire un algoritmo prognostico/predittivo.

Il ruolo dell’Unità Operativa 4 - Istituto Tumori "Regina Elena"
Caratterizzazione funzionale delle cellule staminali tumorali derivanti da mesoteliomi pleurici per l’identificazione di nuovi bersagli terapeutici
Responsabile scientifico: Ruggero de Maria
Il recente isolamento delle cellule staminali dei mesoteliomi da parte di un gruppo di ricercatori italiani ha aperto nuove prospettive per un’efficace terapia personalizzata di questa neoplasia. Le cellule staminali ottenute da questi tumori sono in grado di generare nell’animale da esperimento tumori che riproducono a livello fenotipico e molecolare la neoplasia del paziente e rappresentano pertanto lo strumento ideale per lo sviluppo di nuove strategie farmacologiche. Accanto alla possibilità di isolare, mantenere in coltura e propagare le cellule staminali tumorali nell’animale da esperimento, una profonda caratterizzazione di tale sottopopolazione cellulare è resa possibile dalle nuove tecnologie del settore della genomica. Pertanto, questo progetto si propone di creare dei modelli preclinici basati sull’impiego di tessuti primari e cellule staminali tumorali di pazienti affetti da mesotelioma pleurico. La fine caratterizzazione genetica di questi tumori, sui quali verranno testate le nuove terapie molecolari prima che vengano sperimentate nei pazienti, permetterà lo sviluppo combinato di nuovi farmaci antitumorali e dei relativi biomarcatori predittivi, consentendo di aumentare le possibilità di successo terapeutico.

Allegati

Pubblicato il 12-12-2013 in Primo Piano , aggiornato al 12-12-2013

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]