Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT) EN
   Responsabile: Enrico Alleva
Sei in:
Chi siamo

Attività di valutazione della qualità della ricerca scientifica



Sin dai primi anni ’80 il gruppo afferente al Reparto si è occupato attivamente di promuovere a livello nazionale una “cultura della valutazione” per combattere la autoreferenzialità del sistema ricerca italiano. Un primo tentativo di proporre indici originali, nell’ambito di un dibattito che in quegli anni ferveva in Francia, è contenuto nell’intervento dell’allora direttore del Laboratorio di Fisiopatologia di Organo e di Sistema Giorgio Bignami, pubblicato su La Recherche nel 1992 (Bignami G. L’évaluation des chercheurs par les publications. La Recherche 1992 ; 23: 220).

Negli anni successivi, in stretta collaborazione con il Settore Attività Editoriali dell’Istituto Superiore di Sanità, si è proseguita tale attività, promuovendo attivamente l’utilizzo di “indicatori freddi”. Tali indicatori, da accompagnarsi con limitati criteri di cooptazione e di affinità tematica, possono essere alla base dei processi di reclutamento di personale delle varie qualifiche degli Enti di Ricerca Pubblici (ERP) e delle Università.

Il Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’ISS, ha messo a punto la Base di Dati Specialistica “La valutazione della ricerca scientifica” (www.epicentro.iss.it/valutazione), presentata sugli Annali dell’Istituto Superiore di Sanità nel 2003 (Susanna Conti, Renata Solimini, Virgilia Toccaceli. Una base di dati specialistica sul tema della valutazione della ricerca. Annali dell’Istituto Superiore di Sanità 2003 ; 39: 435-40. Disponibile su: http://www.iss.it/binary/publ/publi/393435.1108632659.pdf). Da un’analisi regolare degli accessi a questa Base Dati è emerso che in un periodo di sei mesi (da Aprile a Settembre) del 2006 si sono registrati complessivamente 613 accessi. In particolare, mediamente gli accessi nei giorni feriali sono 4 mentre se ne registra in media 1 nei giorni prefestivi e festivi. Indicazione, quest’ultima, assai utile a interpretare qualitativamente il profilo di impegno professionale dell’utenza.

Suhttp://www.pensiero.it/pensiero/htm/editore/mese/mese0904_intro.htm, sono anche disponibili in rete alcuni principi generali sulle strategie di pubblicazione (Enrico Alleva, Igor Branchi, Renata Solimini. La biodiversità dei ricercatori che scrivono. In: De Castro Paola, Guida Silvana, Sagone Bianca Maria, eds. Diciamolo chiaramente. Testi, immagini, poster e powerpoint per una comunicazione medico-scientifica efficace. Il Pensiero Scientifico Editore 2004: XIII-XIX).

Il Reparto partecipa regolarmente alle attività di formazione e aggiornamento del personale del SSN, per esempio con gli interventi su “Criteri e limiti nella valutazione della letteratura scientifica” (p.es. M. Amin & M. Mabe, “Impact Factors: Use And Abuse”. Perspectives in publishing 2000; 1: 1-6). Il direttore del Reparto è stato membro della Commissione Lincea, cui il Ministro del Miur ha commissionato, nel 2006, la redazione di un “Parere per i criteri da adottare per il reclutamento di ricercatori universitari e ERP”, disponibile sul sito (http://www.lincei.it).

Un contributo recente (Daniela Santucci, Enrico Alleva “Preparare al merito. La diffusione della cultura scientifica e tecnologica”, in: “Una Dote Per Il Merito: Idee per la ricerca e le università italiane”, a cura di Giuseppe Tognon, prefazione di Enrico Letta, Arel / Il mulino 2006) sottolinea l'importanza della formazione pre-universitaria, tanto per la qualità culturale del futuro studente universitario e dottorando, quanto per la molto limitata spinta motivazionale a iscriversi a una disciplina scientifica in Italia. Fattori che ostacolano la qualità del ricambio generazionale tra i ricercatori e per i quali si propone una rinnovata osmosi tra scuole (soprattutto ultimi due anni delle medie superiori) e ambienti di ricerca, sia ERP sia Universitari. Si vedano i due contributi Francia N., Incarnati S., Alleva E. "Legge 6/2000: uno strumento legislativo per la diffusione della cultura scientifica in Italia", e Alleva E., Pistella F. "La diffusione della cultura scientifica in Italia: un nuovo approccio" [In: Atti del Convegno CNR-ANMS “Ruolo dei musei scientifici per lo studio, la documentazione e la diffusione della cultura scientifica. Lo scenario attuale e le prospettive” (a cura di Reale E.), Museologia scientifica, 2005].

Verso la regolare autovalutazione. L'attività di regolare valutazione di progetti e prodotti da parte del personale del Reparto NC (per esempio CIVR-MIUR, FIRB-MIUR, PRIN-MIUR, Fondazione "Vigoni" - CRUI, progetti MIUR LL.113/1991 e 6/2000, AIDS-ISS, Ricerca Scientifica Tema Libero - Dip.to Scienze della Vita CNR, eccetera) ha creato i presupposti per una "cultura della valutazione e della autovalutazione". Tale attività è stata dunque finalizzata a: 1) armonizzare i criteri di selezione qualitativa dei progetti, 2) diffondere, anche e soprattutto al personale in formazione, una costante attività di valutazione e autovalutazione, 3) concertare indicatori generali di efficacia per finanziamenti del settore biomedico, 4) applicare, in via sperimentale, indicatori "locali" (ex-ante, in itinere ed ex-post) per migliorare l'efficacia dei finanziamenti ottenuti.

- Reparto NC:

Per l'anno 2006, si è concertata la formula 2 x IF (PBB) + 1 x IF (Psychopharmacology) = ~ IF 6-7 per 80.000 euro ; per il 2007, sarà promossa un'azione ex ante su "targeted journals".

Dallo scorso triennio (2007-2009), a complemento della prevista rendicontazione formale, il Reparto effettua un esercizio di autovalutazione, prodromico e di indirizzo per le attività dell'anno successivo. Per limiti editoriali, esso non trova sufficiente spazio nella Relazione annuale, e viene perciò esplicitato nel presente sito repartuale.

La produzione scientifica annuale è considerata di buon livello (rispetto ad analoghi gruppi di ricerca psicobiologica europei), e tale da coprire un range di attività di ricerca di base e (crescentemente) traslazionale. Essa provvede un adeguato livello di formazione per i giovani Ospiti (studenti, borsisti, dottorandi, tirocinanti, stagisti, e altre tipologie) sia per quanto riguarda i rudimenti degli aspetti professionali di base, sia per le prestazioni di attrazione e gestione di finanziamenti extramurali: oltre a essere regolarmente integrata da elementi di outreach (perentori per es. nel caso di fondi richiedibili nel 7FP-EU), ovvero di pratiche di diffusione al cittadino italiano ed europeo della cultura scientifica e tecnologica nelle relative tematiche. E' prioritario che tutte le tipologie di personale, Ospiti inclusi, abbia avuto l'opportunità di partecipare attivamente al reperimento e alla gestione dei finanziamenti per la ricerca, a garanzia, per gli elementi talentuosi, di un'effettiva traduzione in programmi operativi di idee e progetti di ricerca, sempre nell'ambito delle linee generali d'indirizzo e la missione dell'Ente e del Dipartimento.

Nel 2009, il tasso di successo dei finanziamenti richiesti l'anno precedente (pari a Euro 2.543.400,00), è stato del 24%, nell'ambito del quale il 28% previsto per spese di personale. Le attese, discusse in via informale nell'ambito dell'intera area comportamentale Bcn, variavano da un ottimistico 50% a un pessimistico 9%: il risultato conseguito è considerato sufficiente a provvedere un adeguato livello di mantenimento delle principali attività di ricerca tradizionale e a supportare alcuni spunti traslazionali che dovranno nel biennio successivo eventualmente consolidarsi (per es. pet therapy e nosografie per stati depressivi o vegetativi). Anche le ricerche e le attività formative legate all'utilizzo di metodiche proprie della ricerca su specie mammifere di laboratorio e rielaborate per specie di utilizzo agroalimentare, pur promettenti, andranno valutate sul piano dell'effettiva attrattività per agenzie di finanziamento internazionali. L'anno in corso (2010) si è aperto con un tentativo, a livello tanto dipartimentale che repartuale, di razionalizzare le spese per la ricerca non più coperte da fondi intramurali, come da pluri-decennale tradizione Iss.

Pubblicato il 30-10-2006 in Chi siamo , aggiornato al 18-09-2014

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]