Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Alessandro Polichetti
Sei in:
 I contenuti più aggiornati

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

È vero che i campi magnetici a bassa frequenza sono stati ufficialmente riconosciuti come cancerogeni?

No.
L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha esaminato le evidenze scientifiche relative ad un’eventuale cancerogenicità dei campi magnetici a bassa frequenza, come quelli generati dalle linee elettriche, e li ha classificati come “possibilmente cancerogeni per l’uomo” sulla base di una correlazione con lo sviluppo della leucemia infantile emersa dagli studi epidemiologici, ed in assenza di un supporto proveniente dagli studi di laboratorio. L’associazione statistica osservata negli studi epidemiologici potrebbe riflettere una effettiva cancerogenicità dei campi magnetici a bassa frequenza, ma potrebbe essere dovuta ad un artefatto...

Pubblicato il 21-09-2009 in FAQ , aggiornato al 22-03-2019 Leggi...

Condividi: 

Telefoni cellulari

È vero che i campi elettromagnetici a radiofrequenza, come quelli emessi dai telefoni cellulari, sono stati ufficialmente riconosciuti come cancerogeni?

No.
L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha esaminato le evidenze scientifiche relative ad un’eventuale cancerogenicità dei campi elettromagnetici a radiofrequenza, come quelli emessi dai telefoni cellulari ma anche da numerose tipologie di sorgenti per le trasmissioni radiotelevisive, telecomunicazioni, applicazioni industriali ed altro e li ha classificati come “possibilmente cancerogeni per l’uomo” sulla base di alcune indicazioni provenienti da studi epidemiologici sul rischio di tumori cerebrali ed altre neoplasie in relazione all’utilizzo dei telefoni cellulari.
Ciò...

Pubblicato il 21-09-2009 in FAQ , aggiornato al 31-01-2019 Leggi...

Condividi: 

8allegati

Linee guida ICNIRP

Le linee guida dell’ICNIRP costituiscono delle raccomandazioni ai governi nazionali per l’adozione di limiti di esposizione per la protezione del pubblico e dei lavoratori. Queste raccomandazioni si basano esclusivamente sui dati scientifici, senza considerare aspetti sociali ed economici. Un criterio fondamentale adottato nello sviluppo di queste linee guida è che solamente gli effetti ragionevolmente accertati sulla base dei risultati coerenti di diversi studi di alta qualità possono costituire la base per la definizione di limiti di esposizione.

Le raccomandazioni dell’ICNIRP sono state fatte proprie da numerosi paesi che le hanno adottate come proprie norme nazionali. In particolare, l’Unione Europea ha emanato nel 1999 una raccomandazione agli stati membri...

Pubblicato il 21-12-2007 in Normative di protezione e linee guida , aggiornato al 23-01-2017 Leggi...

Condividi: 

3allegati

Rischi per la salute connessi ai campi elettromagnetici generati dalle antenne satellitari MUOS

 Sul portale dell'Istituto Superiore di Sanità è disponibile la "relazione finale" del Gruppo di Lavoro costituito ad hoc per un'analisi complessiva degli inquinanti ambientali e dello stato di salute della popolazione residente nei pressi dell'impianto satellitare MUOS di Niscemi.

Il dibattito circa i possibili rischi per la salute connessi all'aspetto specifico dei campi elettromagnetici generati sia dalle antenne pre-esistenti nel sito che dalle antenne satellitari ancora da attivare è tuttora molto acceso, per cui si è ritenuto necessario pubblicare ulteriore materiale prodotto dal Dipartimento di Tecnologie e Salute dell'ISS.

Sono attualmente presenti:

1) il testo, relativo...

Pubblicato il 23-09-2014 in In rilievo , aggiornato al 19-01-2016 Leggi...

Condividi: 

3allegati

Istituti ed enti italiani

Istituti scientifici ed enti nazionali o locali hanno pubblicato opuscoli informativi, manuali ed altro materiale informativo. In particolare:

l’Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie Informatiche (ISCOM) ha prodotto, assieme all’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e all’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) un opuscolo in cui vengono illustrati gli effetti dei campi elettromagnetici sull’uomo e sulle apparecchiature, evidenziando le sostanziali differenze tra i due problemi;

l’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul lavoro (ISPESL), assieme all’ISS, al Consorzio Elettra 2000 e alle Aziende Sanitarie Locali di Modena e di Siena ha pubblicato, in occasione di un seminario di aggiornamento...

Pubblicato il 09-10-2009 in Documenti , aggiornato al 22-04-2014 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]