Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Pietro Panei
Sei in:

Che cos'è l'ADHD (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)?

La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L’ADHD consiste in un disturbo dello sviluppo neuropsichico del bambino e dell’adolescente, caratterizzato da iperattività, impulsività, incapacità a concentrarsi che si manifesta generalmente prima dei 7 anni d’età. La sindrome è stata descritta clinicamente e definita nei criteri diagnostici e terapeutici soprattutto dagli psichiatri e pediatri statunitensi nel “Diagnostic and Statistic Manual of Mental Disorders”, il manuale pubblicato dalla American Psychiatric Association (APA 1994) utilizzato come referenza psichiatrica a livello internazionale (DSM-IV).

Pubblicato il 15-03-2007 in FAQ , aggiornato al 03-01-2011 Leggi...

Condividi: 

Quali sono i sintomi ?

Secondo il DSM-IV (1), l’ADHD è caratterizzato da due gruppi di sintomi definibili come inattenzione e impulsività/iperattività. L’inattenzione (o facile distraibilità) si manifesta come scarsa cura per i dettagli ed incapacità a portare a termine le attività intraprese: i bambini sono costantemente distratti, evitano di svolgere attività che richiedono attenzione per i particolari o capacità organizzative, perdono frequentemente oggetti o si dimenticano di attività importanti. L’impulsività invece si manifesta come impossibilità ad organizzare azioni complesse con tendenza al cambiamento rapido da una attività all’altra e difficoltà ad aspettare il proprio turno nel gioco o in situazioni di gruppo. L’impulsività è a volte associata all’iperattività: questi...

Pubblicato il 15-03-2007 in FAQ , aggiornato al 15-03-2007 Leggi...

Condividi: 

Come viene fatta diagnosi di ADHD ?

Non esiste un unico esame diagnostico. Una diagnosi adeguata necessita di un’indagine di tipo medico, neuro-psicologico, educativo e sociale e si deve basare su un’anamnesi e una valutazione completa del bambino e non solo sulla presenza di uno o più dei sintomi.
La diagnosi di ADHD si basa sulla classificazione del DSM-IV o sulla classificazione dell’ICD-10 (International Classification of Diseases) dell’OMS. Per una valutazione accurata del bambino, la diagnosi deve essere effettuata da specialisti della salute mentale dell’età evolutiva con specifiche competenze sulla diagnosi e terapia dell’ADHD e sugli altri disturbi che possono mimarne i sintomi o che possono associarsi ad esso. E’ estremamente importante che il processo di valutazione, condotto dai medici...

Pubblicato il 15-03-2007 in FAQ , aggiornato al 15-03-2007 Leggi...

Condividi: 

Con quali altri termini è noto l'ADHD ?

L'ADHD era noto in precedenza come sindrome dei disturbi dell'attenzione o disfunzione cerebrale minima. Altri termini usati per descrivere questa sindrome comportamentale includevano: disordine ipercinetico, danno cerebrale minimo, disfunzione cerebrale minima, disfunzione cerebrale secondaria e sindrome psico-organica nei bambini. Alcuni sinonimi:

• Hyperkinetic Syndrome (HKS)
• Hyperkinetic Disorder
• Psycho Organic Syndrome (POS)
• Attention Deficit Disorder (ADD)
• Attention Deficit Hyperactivity Disorder (ADHD, ADDH)
• Attention Deficit Syndrome (ADS)
• Minimal Cerebral Dysfunction (MCD)
• Minimal Brain Dysfunction (MBD)

Pubblicato il 15-03-2007 in FAQ , aggiornato al 15-03-2007 Leggi...

Condividi: 

Qual'è la prevalenza dell'ADHD ?

A seconda degli studi, si hanno valori di prevalenza che oscillano tra il 4% e il 12%. La prevalenza tra i maschi è tre volte più alta che nelle femmine: 9.2% (95% Confidence Interval:5.8-13.6%) versus 3% (95% Confidence Interval:1.9-4.5%).
In Italia, uno studio condotto in due regioni del centro su un campione di 232 bambini ha evidenziato una prevalenza del 3.6%, in base alla presenza di almeno 8 criteri maggiori del DSM-IIIR. Lo studio, condotto nelle scuole di Firenze e Perugia, nel 1993, ha individuato 9 casi su 250 bambini esaminati. Lo studio del 1998, con i pediatri della città di Torino, ha dato una prevalenza del 2,52%. In questo caso la popolazione era di 47,781 assistiti e sono stati individuati 1.203 casi.
Uno studio del 2002, in Friuli Venezia Giulia, su 64.800...

Pubblicato il 15-03-2007 in FAQ , aggiornato al 15-03-2007 Leggi...

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]